6 stili di baffi per un look intramontabile

Da sempre l’universo maschile si divide in amanti della rasatura e appassionati della barba folta ma esiste un’altra categoria con un credo completamente a sé: i cultori dei baffi.

Il baffo è da secoli una vera e propria espressione di personalità, da Dalì al celebre personaggio Hercule Poirot, lunghi, folti, arricciati o semplici il baffo ha da sempre conservato il suo charme. Nonostante siano intramontabili hanno vissuto momenti di alti e bassi, o li ami o li odi qualcuno direbbe. Oggi con questo articolo vogliamo farvi conoscere qualcosa di più su alcuni dei più famosi stili. 

The chevron 

Freddy Mercury o il personaggio di Magnum P.I. interpretato da Tom Selleck sono senz’altro le due icone emblematiche e conseguenza del grande successo dello Chevron. Per anni questo stile fu sinonimo di virilità e classe. I baffi a Chevron pendono come una V rovesciata sopra il labbro superiore, la loro natura è semplice e possono rappresentare una valida soluzione per chi vuole i baffi ma non ama la rasatura di precisione o l’utilizzo di particolari prodotti perchè lo Chevron è ancora più virile se lasciato un po’ disordinato. 

The Handlebar

Prendere carta e penna e disegnate un uomo con i baffi… al 90% avrete disegnato gli Handlebar, gli iconici baffi arricciati all’insù. Spesso utilizzato per rappresentare detective inglesi, questo stile preserva il suo gusto vintage e regala a chiunque gli porti un sapore anni trenta fatto di nobiltà ed eleganza. L’Handlebar si crea rasando guance, collo e mento lasciando i peli sopra le labbra voluminosi. Successivamente averli bagnati bisogna pettinarli dall’interno verso l’esterno tirandoli poi verso il mento. La cera contribuirà a fissare lo stile, solo alla fine possiamo procedere ad arricciarli. 

The Dalì

Un nome un programma, i Dalì non hanno bisogno di descrizioni, chiunque conosca l’omonimo pittore sa bene quale forma hanno. Pulendo guance, collo e mento e iniziando a radere i baffi poco sopra il labbro superiore si costruisce lo stile dei baffi Dalì. Prima di dare forma al baffo con la cera è necessario pulire il solco sottonasale e pettinare poi dall’interno verso l’esterno. Dopo che la cera si sarà indurita leggermente usare il pollice e indice per dare forma alle punte. 

The Pencil 

Cercate uno stile sofisticato, pulito ed elegante? Allora vi consigliamo i baffi Pencil. I baffi cosiddetti a matita sono sottili, definiti e netti, la lunghezza non deve superare i 2 mm. L’unico inconveniente di questi baffi è che richiedono cura quotidiana e costante, 

The Natural 

La diffusione di questo stile è senz’altro data dalla sua semplicità e facilità di realizzazione diventando un ottimo compromesso per chi ama i baffi ma non ha voglia o tempo di curarli. Come si evince dal nome si creano lasciando crescere naturalmente i baffi senza però farli crescere eccessivamente. Per tenere a bada la lunghezza consigliamo di utilizzare una forbice specifica. 

The Horseshoe 

Potevamo concludere questo articolo senza citare gli horseshoe?! Ovviamente no. Se ancora non avete capito di quali baffi stiamo parlando proviamo a darvi qualche indizio: Hulk Hogan o Ben Stiller in dodgeball… ancora niente? Gli Horseshoe sono i baffi a ferro di cavallo, folti al centro per poi stringersi verso il basso racchiudendo la bocca, i bracci devono arrivare fino alla mento. Questo stile richiede una cura settimanale. Gli horseshoe non sono adatti a tutti i tipi di volto, si sposano perfettamente con i volti dai tratti duri e mascolini. 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.