Il piacere della rasatura come ricerca di sé

Andare dal barbiere non è più un semplice servizio o un mero bisogno estetico ma  la ricerca di un momento per e con sé stessi. La vita di tutti i giorni ci ha fatto dimenticare cosa volesse dire rilassarsi prendendosi cura non solo del proprio corpo ma anche del proprio spirito. 

Per l’uomo andare dal barbiere unisce l’utile al pretesto di chiudere gli occhi e, affidandosi a mani esperte e fidate, alleggerire la mente; ecco perchè il barbiere deve porre attenzione a tantissimi aspetti oltre che a completare una rasatura perfetta: la musica, l’ambiente, l’approccio, lo stile, il tocco.

Il barbiere, attraverso i suoi gesti, con attenzione ai dettagli e alle esigenze del cliente può davvero cancellare la frenesia della vita quotidiana. Vediamo quali sono i passaggi che possono trasformare la rasatura in un’esperienza di puro piacere. 

Per prima cosa, con un panno caldo, ammorbidiamo la pelle e il pelo preparandoli ad accogliere la schiuma densa che verrà spalmata con delicati movimenti circolari dal mento verso l’orecchio; le setole del pennello saranno come mani delicate che accarezzano il viso. 

Il movimento del rasoio deve essere delicato e preciso, deve riportare l’ordine, la razionalità e la morbidezza in ciò che era stato trascurato. Dopo la prima rasatura si passa nuovamente un panno caldo, per rilassare la pelle. La seconda rasatura, invece, avverrà in direzione laterale alla ricerca del risultato perfetto. I prodotti utilizzati in questa fase, non solo aiutano la rasatura e proteggono la pelle ma coinvolgono anche tutti gli altri sensi contribuendo a un relax totalizzante. Il cliente deve poter ritrovare in ogni nostro gesto una sensazione di piacere e conforto. Il panno fresco, posto a fine rasatura, rinfrescherà e ripristinerà l’equilibrio della pelle. Per finire, per chi lo desidera, applicheremo un dopobarba per lenire ed idratare il viso. 

Il nostro cliente, guardandosi allo specchio, dovrà sentirsi nuovamente sicuro di sé, disteso e pronto per affrontare nuove sfide quotidiane.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.